6.2.08

 

"La donna non si tocca". Il ritorno dei No Vat


Legge 194 e libertà di scelta, sabato a Roma corteo contro le ingerenze vaticane. Mentre infuria la polemica sull'aborto. La Cgil: una discussione pericolosa (ci. gu.)

Ad aprire saranno donne e lesbiche, il concetto sarà «autodeterminazione». Quelli di «no Vat», che sulla strategia politica della Chiesa riflettono con sistematicità ormai da tre anni, lo avevano capito prima: «Quest'anno il tema centrale da mettere in evidenza nella nostra manifestazione nazionale - dice Graziella Bertotto - ci sembrava dovesse essere l'attacco alle donne, quanto l'anno scorso quello all'omosessualità». Dunque la crescente protesta - e preoccupazione - contro l'attacco alla 194 e alle libere scelte delle donne avrà anche una sua piazza: i no Vat danno appuntamento per sabato alle 14 a piazzale Ostiense.

«Ovviamente i contenuti ci sono tutti - precisa Bertotto - tutti quelli che abbiamo elaborato in questi anni, la laicità, l'antifascismo, il tentativo da parte della Chiesa di incidere anche sul sistema del welfare: lo Stato arriva solo laddove non arriva la famiglia». Ma è chiaro che in questo momento di transizione politica piuttosto delicato il documento delle quattro università romane ha aperto una breccia pericolosa e ambigua sul diritto delle donne a non avere un figlio. Si è cominciato parlando della possibilità di far vivere feti partoriti prematuramente, e si è arrivati a parlare della possibilità di rianimare feti abortiti. Una discussione «ambigua e pericolosa» la definisce la Cgil, che si rallegra per «l'avanzamento della ricerca medica che permette di salvare i neonati anche a stadi della gravidanza meno avanzati rispetto al passato», ma mette in guardia dal «sostenere l'esigenza di tentare di rianimare sempre e comunque il feto, anche dopo un aborto terapeutico e anche in palese contrasto con il volere della madre».

Il punto è tutto qui. Ma si vuole spostare il dibattito. Verso più ineffabili e scivolosissime vette, come il piddista Peppino Caldarola: «La Cei, la Binetti e alcuni laici devoti stanno cercando di mettere in luce quella parte della 194 che appare poco applicata o non sufficientemente valorizzata», scrive nel suo blog. E i laici, a suo avviso, tacciono oppure gridano «all'aggressione clericale». Invece, consiglia Caldarola, «il Papa ha ragione a mettersi dalla parte della vita. Tocca a noi laici ricominciare a ragionare sulla vita in modo aperto».

Eppure nel variegato mondo del Partito democratico c'è anche chi, come la senatrice Vittoria Franco osserva: «Sostenere la legittimità di fare a meno del consenso della madre sempre e comunque a me sembra un primo passo verso lo svuotamento del principio fondamentale della legge 194, la maternità responsabile e consapevole». E mentre la ministra della salute uscente Livia Turco invita anche le donne immigrate «a prendere voce e fare qualcosa» per difendere la 194 «a cui sono affezionata», le posizioni più chiare sul dibattito scatenato dal documento dei ginecologi romani arrivano dalla Sinistra Arcobaleno e dai Radicali («non siamo assassine», ha chiarito ieri la ministra alle Politiche comunitarie Emma Bonino al Tg1).

«Quel documento rientra in una concezione astratta della vita in quanto tale - dichiara la senatrice Maria Luisa Boccia del Prc - ma contraddice le modalità stesse con cui la medicina affronta le problematiche della nascita e della morte. Non coinvolgere infatti i genitori rivela una insensibilità sul piano umano ed etico e contraddice gli stessi principi giuridici che prevedono la responsabilità genitoriale e la necessità del consenso per evitare ogni accanimento terapeutico. Scienziati, medici, bioeticisti vogliono sostituirsi alle madri, rendere le donne senza voce. Quando le donne parlano a partire da sé non vengono ascoltate, le riflessioni delle femministe vengono comunque ignorate. Non da ora siamo impegnate a prendere parola nella sfera pubblica, scegliendo però noi le pratiche e i modi con cui farlo».

Da che parte tira il vento di chi, a destra e a sinistra, parla della vita con la testa rivolta al Vaticano, lo spiega Rita Munizzi del Movimento italiano genitori: «Occorre ricordare che se una madre ha deciso di abortire, non può poi accampare ancora diritti sulla vita o sulla morte del feto nel caso in cui questo si possa ancora salvare».

(il manifesto, 5.2.08)

Etichette: , , , ,


Comments:
Ciao,
ci hanno segnalato questo blog, e l'abbiamo aggiunto tra i nostri link sperando di fare cosa gradita.
Un saluto
Carla
Collettivo Pachamama

www.collettivopachamama.blogspot.com
 
Quello che forse i benpensanti non hanno capito è che l'aborto è una scelta durissima, sofferente, che deve essere lasciata alla libertà della madre, pur con tutti i necessari limiti. La Chiesa continua a far forza ancora una volta sul senso di colpa e questa è disgustoso.
 
Posta un commento

Links to this post:

Crea un link



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

"La donna libera dall’uomo, tutti e due liberi dal Capitale"

(Camilla Ravera - L’Ordine Nuovo, 1921)

--------------------------------------

Sciopero generale, subito!

Stop agli omicidi del profitto! Blocchiamo per un giorno ogni attività. Fermiamo la mano assassina del capitale. Organizziamoci nei posti di lavoro in comitati autonomi operai con funzioni ispettive. Vogliamo uscire di casa... e tornarci!

--------------------------------------